News e Attività

Scienza e Istituzioni unite contro il CoVid19. Consoli in prima linea.

                Il COVID-19 è parte della nostra quotidianità ed ormai siamo consapevoli di quanto radicalmente imporrà un cambiamento di abitudini e comportamenti a livello globale, se non altro nel medio periodo. Le notizie e le cronache di tutto il mondo ci restituiscono uno scenario distopico, quasi come in un romanzo di George Orwell o in un hollywoodiano film apocalittico. In un contesto dai contorni così fumosi e poco chiari, le nostre certezze, anche quelle più intuitive, vacillano. L’insicurezza è, in effetti, un sentimento che ci accomuna tutti quanti. In tal senso, il cosiddetto Coronavirus è la quintessenza della democraticità. Colpisce indiscriminatamente dal ceto, dalla nazionalità, dalla classe o da qualsivoglia categoria sociale cui siamo abituati. Di conseguenza stride ancora più rumorosamente il confronto con quelle istituzioni politiche, siano esse locali, nazionali o sovranazionali, che della democrazia si fanno promotrici ma che sono messe a dura prova nel formulare risposte efficaci. Le politiche sperimentate in questi mesi ad alcuni potrebbero apparire disordinate e confuse rievocando ciò che Anthony Giddens definì “istituzioni-guscio”, ossia istituzioni inadeguate a compiere i ruoli per cui sono nate. 

     Tuttavia, con una maggiore lucidità, per quanto sia possibile averne in questi difficili momenti, più che inadeguatezza, cioè che emerge è la complessità dell’unire il mondo politico con quello medico-scientifico. Le novità scientifiche del Coronavirus hanno sicuramente costretto il settore ed il personale sanitario a rincorrere, a fare sacrifici enormi per i quali noi tutti dobbiamo ringraziare dal profondo. D’altro canto, la pandemia globale, per la Politica, ha rappresentato, al pari dell’11 Settembre, quel Cigno Nero che secondo il matematico libanese Nassim Taleb frantuma le convinzioni e spazza via le certezze. Cercando di razionalizzare la tragedia di questi ultimi mesi e con uno sguardo rivolto al futuro, la sfida profonda è quella di tracciare un solco comune in cui politica e scienza possano coesistere. 

     Nella convinzione che il rischio biologico, al pari di quello ambientale e demografico, siano le sfide che l’umanità ha davanti, il Coronavirus ci ha messo crudelmente di fronte all’esigenza di una vera e propria Rivoluzione Copernicana del nostro modo di vivere e delle nostre istituzioni. Le due materie infatti poggiano su paradigmi molto differenti la cui unione ha, fino ad adesso, restituito un vocabolario ibrido e dal difficile utilizzo per le persone comuni e per le fasce più deboli della società, che nondimeno sono colpite dal COVID-19. Il sentimento di smarrimento di queste ultime è amplificato altresì dalla mancanza d’informazioni certe e di dati attendibili. In un mondo in cui il “Numero” e l’analisi quantitativa sono sinonimi di rigore e certezza, l’assenza di statistiche certe e solide ha creato un buco nero nella nostra capacità di vedere la direzione in cui ci stiamo dirigendo. Nella cecità in cui ci troviamo, quei valori fondamentali, come solidarietà e compassione, riprendono slancio anche in un contesto internazionale, dove spesso si ritrovano stritolati dalle dinamiche inter-statali. 

     Circa un secolo fa, il mondo visse un breve ma intenso periodo all’insegna della cooperazione e dell’aiuto reciproco sull’onda della fine della Prima Guerra Mondiale e con il supporto del pensiero politico del Presidente americano Woodrow Wilson. Come oggi, anche all’epoca, la popolazione europea sviluppò un comune sentimento di estrema fragilità a causa dell’innovativo impiego, durante il conflitto mondiale, di gas asfissianti che, come riportano le testimonianze dei soldati, uccidendo senza ferite evidenti, ti facevano sentire violato ed inerme. Non a caso, la retorica politica e giornalistica di questi giorni, paragona la lotta al Coronavirus ad una guerra e, pur mantenendo un doveroso rispetto verso le sofferenze dei combattenti, anche noi siamo come i soldati paragonati da Ungaretti alle foglie d’autunno: in precaria attesa e con un grande senso d’impotenza e di fragilità. 

     L’umanità è andata avanti e vi sono forti differenze rispetto a quell’atroce periodo. Ad oggi, non sembra esserci un fondamento ideologico forte come il Wilsonismo, ma  fortunatamente la cooperazione internazionale si è decisamente intensificata così come il progresso medico-scientifico. Oggi più che mai siamo consapevoli della nostra interdipendenza a livello globale, nel bene e nel male. Sicuramente l’esperienza che stiamo vivendo ci ha ancora una volta ricordato quanto sia giusto, ancor prima che necessario, stringerci anche a livello internazionale ed intendere la cooperazione verso le periferie del mondo come una nostra responsabilità. 

     Il progetto “COVID-19: infezione, prevenzione e controllo” è un perfetto esempio di come la dimensione politico-istituzionale e quella scientifica possano collaborare e farsi interpreti della risposta alle richieste di aiuto, in special modo quelle provenienti dalle aree più fragili. Frutto della sinergia tra Istituzioni di natura diversa ma accomunate dall’intento di dare un contributo fattuale alla lotta contro la pandemia da CoVid19, il progetto ha dato corso alla realizzazione e diffusione di un video corso destinato al personale formale e informale delle strutture sanitarie di base. 

 

loghi2 copia

 

     Il materiale proposto offre una panoramica sulle attuali conoscenze scientifiche riguardo al virus ed affronta la tematica degli strumenti da adottare per la prevenzione ed il controllo delle infezioni, sia in termini di misure universali (da adottare sempre, a prescindere dalla natura della epidemia) sia nello specifico dell’attuale emergenza. Si tratta di una iniziativa di formazione che ha l’ambizione di tradurre concetti complessi in linee guida di pronta applicazione, in special modo nei luoghi dove l’azione del personale sanitario è resa più complessa da preesistenti condizioni di sistema. 

     Fautori della iniziativa, garanti della solidità e del rigore scientifico dei contenuti proposti sono il Centro di Salute Globale della Regione Toscana, che vanta una lunga esperienza in ambito di cooperazione sanitaria internazionale, l’Ospedale pediatrico Meyer di Firenze, il Centro Studi U.C.O.I. e la Università degli Studi di Firenze. Da un punto di jvista istituzionale, il contributo essenziale dell’Unione Consoli Italiani (U.C.O.I.) e dell’Unione Consoli Italiani nel Mondo (U.C.O.I.M.) garantisce la possibilità di una diffusione capillare del materiale formativo sia attraverso la vasta rete di rappresentanza diplomatico-consolare sul territorio nazionale sia tramite la diffusa ramificazione dei Consolati Onorari italiani a livello globale. Una divulgazione delle linee guida che si auspica ancora più agevolata dal fatto che il video corso sia disponibile in quattro lingue (francese, inglese, italiano e spagnolo), e facilmente accessibile in forma gratuita affinché possano fruirne i centri di sanità di tutto il mondo, in special modo quelli più periferici e dei Paesi a risorse limitate. In tal senso, tale iniziativa propone un valido esempio di coesistenza tra scienza e politica, che si compenetrano per il beneficio della comunità ed all'insegna di una genuina cooperazione internazionale.

 

Michele Benazzo 

Francesco Orlando


Note sull’autore: 

Michele Benazzo, laureato in Scienze Politiche e Storia presso l'Università degli Studi di Pavia, ha proseguito i suoi studi conseguendo dapprima una Laurea Magistrale in Relazioni Internazionali presso l'Università degli Studi di Padova ed in seguito una seconda in Terrorismo e Violenza Politica presso University of st. Andrews, Scozia. 

Ha lavorato come analista di sicurezza presso Amaplast-Confindustria, Milano e nella Risk Assessment Unit del Parlamento Europeo a Bruxelles. Si occupa di terrorismo e storia del terrorismo, sicurezza internazionale, global governance e relazioni internazionali.

Francesco Orlando, laureando in Studi Internazionali della Università degli Studi di Firenze, collaboratore del Consolato della Repubblica dello Yemen di Firenze e editor dei contenuti del sito www.ucoi.it.

 

Dall'Irlanda del Nord all'Italia: un gesto di solidarietà.

La collettività italiana in Irlanda del Nord ha realizzato un progetto di solidarietà rivolto all'Italia in questo periodo di emergenza teso al contenimento della epidemia da CoVid19.

Si trata di un breve filmato che manifesta tutta la vicinanza dei nostri connazionali in Irlanda del Nord  in questo momento di difficoltà, il progetto è stato ideato e coordinato dalla Dottoressa Federica Ferrieri, Console Onorario d'Italia a Belfast e realizzato dal Consolato Onorario d'Italia a Belfast in collaborazione con il Consolato Generale d'Italia a Edimburgo.

 

EMERGENZA COVID 19 - PROGETTO DI COOPERAZIONE UMANITARIA

La Unione dei Consoli Onorari in Italia e la Unione dei Consoli Onorari Italiani nel Mondo partecipano attivamente alla comune lotta globale contro il virus Covid19 coordinando la diffusione di un progetto di cooperazione umanitaria internazionale realizzato grazie alla sinergia tra il Centro Studi U.C.O.I., il Centro di Salute Globale della Regione Toscana e la Università degli Studi di Firenze. 

loghi2 copia

Il progetto 

Il progetto dal titolo “Covid19: infezione, prevenzione e controllo” consiste nella realizzazione di un modulo di formazione multimediale che offre una panoramica sulle attuali conoscenze scientifiche sul virus ed affronta la tematica degli strumenti da adottare per la prevenzione ed il controllo delle infezioni, sia in termini di misure universali (da adottare sempre, a prescindere dalla epidemia) sia nello specifico della attuale emergenza CoVid19.

Il modulo, in forma di video-corso, si articola in 3 parti collegate tra loro in un unico filmato ed ha lo scopo di rendere facilmente accessibili su scala internazionale - sia nei piccoli centri periferici, che nei grandi ospedali - le linee guida in ambito di prevenzione e controllo indispensabili per poter affrontare la corrente epidemia.

Attualmente è disponibile in quattro lingue (italiano, inglese, francese e spagnolo), accessibile in modo gratuito QUI 

Gli attori

La realizzazione del progetto è stata resa possibile dalla stretta collaborazione tra la Dottoressa Maria José Caldés, Direttrice del Centro di Salute Globale della Regione Toscana, il Professor Niccolò Persiani, Ordinario di Health Care Management della Università di Firenze.

La stesura delle singole lezioni è stata curata dalla Dottoressa Chiara Maretti, collaboratrice del Centro di Salute Globale ed esperta in campo epidemiologico; il video-corso ha preso forma nella Mediateca del Consolato della Repubblica dello Yemen di Firenze (coordinamento a cura di Francesco Orlando). 

U.C.O.I. ed U.C.O.I.M. sono impegnate nella operazione di diffusione del video-corso tramite la rete diplomatico-consolare nazionale ed internazionale affinché le linee guida in esso contenute possano raggiungere la più larga divulgazione presso il personale formale ed informale delle diverse realtà sanitarie del mondo. 

Gli sviluppi

A completamento del piano di cooperazione sono disponibili ai Consoli che ne facessero richiesta anche le linee guida relative alla gestione delle residenze per anziani nei casi di CoVid sospetti od accertati redatte dalla Azienda Sanitaria Universitaria Friuli Centrale e gentilmente messe a disposizione dallo stesso Direttore Generale, Dottor Massimo Braganti

A breve sarà inoltre on-line un dettagliato articolo in merito al progetto redatto dal Dottor Michele Benazzo, esperto di Relazioni Internazionali. 

 

 

 

UCOI e Consiglio d'Europa

Si è svolto a Venezia, il 19 febbraio 2020, l'incontro ufficiale tra Mattia Carlin, Vice Presidente della Unione dei Consoli Onorari in Italia, e Luisella Pavan-Woolfe, Direttrice della sede italiana del Consiglio d'Europa. 

Nel corso dell'incontro sono stati trattati i temi nell'ambito delle iniziative promosse dal Consiglio d' Europa e della Unione dei Consoli Onoari in Italia. 

Articolo completo QUI 

IL NUOVO SITO UCOI PROTAGONISTA

sitelogo

Come cambia il lavoro delle agenzie di stampa nell’era di internet ed il ruolo della comunicazione tv nella comunicazione istituzionale.

Questo il tema del seminario dal titolo: “Evoluzione dell’Ufficio Stampa tra old e new media verso la comunicazione integrata. Deontologia della comunicazione istituzionale” che si è tenuto a Padova il 24 gennaio 2020. 

Il corso, dedicato ai giornalisti e valido al conseguimento dei crediti formativi professionali dell’Ordine dei Giornalisti, ha visto tra i relatori il Dottor Gennaro Pesante (Ufficio Stampa e Comunicazione Camera dei Deputati), il Dottor Antonio Granatiero (esperto di comunicazione digitale, collaboratore della Camera dei Deputati e della Università la Sapienza di Roma) ed il Vice Presidente UCOI, Mattia Carlin

Tra gli argomenti trattati il nuovo sito UCOI  è stato protagonista quale esempio di innovazione nella comunicazione istituzionale nell’era di internet. Il Professor Guido Bastianelli, Presidente del Centro Studi UCOI,  è intervenuto in qualità di webmaster del sito www.ucoi.it presentando una relazione sulla genesi del nuovo portale ed evidenziando il mutamento avvenuto nella comunicazione della rete consolare alla luce delle nuove esigenze dettate dall’era digitale, specchio della evoluzione e del  dinamismo della figura del Console Onorario di fronte alle nuove sfide contemporanee.

L’evento  è stato una occasione per trarre nuovi spunti in un contesto di primissimo piano nell’ambito della comunicazione istituzionale nazionale e per fare il punto del lavoro svolto nell’ambito del rinnovamento occorso alla comunicazione della Unione dei Consoli Onorari in Italia e della Unione dei Consoli Onorari Italiani nel Mondo.

Informazioni

Sede: 00192 ROMA, Lungotevere dell'Acqua Acetosa n. 42
Segreteria Generale: 80132 NAPOLI, Via G. Orsini n. 42

Email:  segreteriagenerale@ucoi.it
Numero di telefono: 331.80.88.071

Webmaster
Prof. Dott. Guido Bastianelli
Console della Repubblica dello Yemen in Firenze
Presidente Centro Studi U.C.O.I.
E-mail: webmastersitoucoi@gmail.com