News e Attività

Università degli Studi di Pavia ed il Centro Internazionale Cooperazione per lo Sviluppo (CICOPS)

A cura del Professor Gian Battista Parigi, Presidente CICOPS.

 

L'Università di Pavia è la più antica università della Lombardia e una delle più antiche d'Europa. Nell’ 825 il capitolare dell'imperatore Lotario istituiva a Pavia la scuola di retorica per i funzionari del Sacro Romano Impero; lo Studium Generale fu invece fondato da Carlo IV nel 1361, una scuola legale e letteraria di grande fama, che attrasse studenti da tutta Europa.

Dal 1984, prima in Italia, l'Università si è dotata di un Centro per la cooperazione e lo sviluppo internazionale (CICOPS), allo scopo di promuovere la cooperazione con i Paesi in via di sviluppo (PVS) e stimolare le relazioni con le università di questi Paesi, nella profonda convinzione che la cooperazione accademica è fondamentale per diffondere la conoscenza e promuovere il dialogo e la pace.

Nella costante ricerca di nuove partnership nel campo della cooperazione internazionale, la collaborazione da qualche tempo instaurata dal CICOPS con l’UCOI e l’UCOIM - organizzazioni aperte al mondo per loro stessa intrinseca natura - assume una valenza del tutto peculiare e potenzialmente foriera di interazioni di grande interesse e potenzialità. Il comune lavoro che ha dato vita al nuovo e completamente rinnovato sito web delle due organizzazioni può rappresentare solo la prima di queste possibili interazioni: numerose altre possono nascere da una più approfondita conoscenza di quanto il CICOPS può offrire, e di cui si cercherà di dare in questa sede una sintetica descrizione.

L’iniziativa forse di maggiore interesse per i nostri Consoli Onorari in Italia e nel mondo è rappresentata dall’erogazione ogni anno di 10-15  borse di studio per giovani ricercatori dei PVS, le CICOPS scholarship. Queste prevedono il finanziamento di viaggio, alloggio e 150 €/settimana di pocket money per due-tre mesi da trascorrere a Pavia per realizzare un progetto di ricerca presso uno dei 18 Dipartimenti dell’Università. Il bando, pubblicato tutti gli anni a febbraio, raccoglie sempre un vasto interesse e costringe purtroppo la commissione selezionatrice  ad operare una severa cernita delle proposte, così però da mantenere lo standard della ricerca realizzata a livelli di eccellenza.

YYY

Con il 2019 si è giunti ad ospitare complessivamente  256 giovani  ricercatori  provenienti da 60 Paesi; 145 di questi hanno accettato di divenire “CICOPS Fellows”, quasi “ambasciatori” dell’Università di Pavia presso le loro istituzioni di provenienza, con l’obbiettivo di stimolare i rapporti di collaborazione scientifica fra le Università coinvolte, che continuano ben oltre il periodo di permanenza a Pavia. A confermare la bontà della selezione effettuata e l’alto livello dei nostri candidati è da sottolineare come alcuni dei primi borsisti CICOPS siano divenuti Rettori o Presidi di Facoltà dei rispettivi Atenei, e che due di questi (Tashkent, Uzbekistan e Lucknow, India), siano ora legati a Pavia da un formale accordo di collaborazione. Altre borse di studio sono offerte dall’Università di Pavia nell’ambito delle iniziative del Gruppo di Coimbra, una rete universitaria europea che raggruppa 39 università, alcune delle quali tra le più antiche e prestigiose in Europa. In questa rete l’ateneo pavese è molto attivo nel Working Group “Development and Cooperation”, ed offre ogni anno due borsa di studio di tre mesi a giovani ricercatori provenienti dall’Africa Sub Sahariana e dall’America Latina.

Naturalmente però la possibilità di offrire borse di studio (...) CONTINUA A LEGGERE (Accesso riservato ai membri U.C.O.I. - U.C.O.I.M.)

FIRMATO IL PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL CORPO CONSOLARE DI FIRENZE E LA REGIONE TOSCANA

56

La Regione Toscana, impegnata ad intensificare le proprie relazioni internazionali, in special modo nella zona mediterranea punta ad rafforzare i legami con gli enti locali dei Paesi dell’intera area. 

In particolare, in ossequio agli obiettivi fissati dal Progetto 24 del Programma Regionale di Sviluppo 2014/2020: Attività e cooperazione internazionale nel Mediterraneo, Medio Oriente e Africa sub-sahariana, la Regione realizza progetti di cooperazione in collaborazione con i soggetti del proprio territorio e mette in contatto entità economiche toscane con le realtà dei territori dei Paesi di provenienza delle comunità dei migranti.

In questo quadro si inserisce il Protocollo di Intesa siglato dal Presidente della Giunta Regionale Enrico Rossi e dal Decano del Corpo Consolare di Firenze Dott. Fabio Fanfani - Console Generale Onorario della Repubblica delle Filippine in Firenze.

Attraverso tale documento le due istituzioni si propongono di dare avvio ad un percorso di collaborazione con l’obiettivo di promuovere l’azione internazionale della Regione Toscana approfondendo i temi della cooperazione internazionale da un lato e, dall’altro, di porre le basi per sviluppare progettualità in tema di attrazione degli investimenti dall’estero e della promozione turistica con i paesi rappresentati nell’ambito del Corpo Consolare di Firenze.

 

È possibile prendere visione del documento cliccando qui (Area Riservata, richiesta autenticazione)

 

IL PONTE: La Speranza nelle tue mani.

  

 

“La rianimazione cardiaca è facile se si sa come farla” 

 

Con queste parole il Professore Giorgio Iotti introduce il suo commento al video corso sulle tecniche del Basic Life Support (BLS). Un invito, il suo, rivolto a tutti i giovani che guarderanno il filmato affinché non si sentano intimoriti di fronte all’eventualità di dover soccorrere una persona colta da arresto cardiaco; uno stimolo affinché essi si interessino e apprendano quelle manovre basiche che potrebbero fare la differenza tra la vita e la morte in una situazione del genere. Un incoraggiamento ai giovani affinché siano pronti e preparati e possano diventare l’anello forte di quella che il Professor Iotti definisce la “catena della sopravvivenza”, ovvero i soggetti attivi del primo aiuto in attesa dell’arrivo dei soccorsi specializzati. 

È questo lo spirito che il Professore Guido Bastianelli, Console Onorario della Repubblica dello Yemen in Firenze, ha inteso infondere al video corso sin dalla fase embrionale del suo progetto di creare un filmato con la funzione di piccolo corso esplicativo rivolto ai ragazzi delle varie Università del mondo - in special modo quelli non provenienti dalle facoltà di medicina. 

A loro il compito di formarsi e di “prendere parte”, di costruire il ponte tra il malore occorso ad una persona e l’arrivo dei soccorsi. Nei casi di arresto cardiaco, nei minuti necessari all’arrivo delle équipes specializzate, diventa cruciale eseguire correttamente il massaggio cardiaco per garantire l’ossigenazione degli organi vitali e scongiurare danni cerebrali; nel lasso di tempo tra il malore e l’arrivo dell’ambulanza la speranza di vita è nelle mani delle persone che eseguono il primo soccorso. 

In tutto il mondo i corsi di insegnamento delle tecniche di Basic Life Support sono sempre più indirizzati alla formazione del così detto “personale laico”, ovvero individui che non hanno una preparazione medica pregressa, è in questo solco che si inserisce l’iniziativa del Professor Bastianelli promossa dalla Unione dei Consoli Onorari in Italia: creare un supporto didattico scientificamente valido, in ossequio alle direttive degli Organismi Internazionali, e allo stesso tempo fruibile anche dalle persone che non siano medici né paramedici utilizzando un mezzo che parlasse la stessa lingua dei giovani di tutti i Paesi, quello filmico. 

Per conseguire il duplice obbiettivo è stato necessario rivolgersi a professionisti affermati. 

Da un lato il Professore Giorgio Iotti, Direttore dei Dipartimenti di Medicina Intensiva e di Anestesia e Rianimazione della Fondazione IRCC Policlinico San Matteo di Pavia che ha fornito le basi scientifiche ed il supporto necessario affinché le manovre di rianimazione fossero mostrare nel modo più accurato e preciso possibile; il Dottore Enrico Contri medico rianimatore e direttore della Fondazione Pavia nel Cuore il quale ha indicato i punti critici nella didattica del BLS ed il Dottore Luca Cremascoli, specializzando in rianimazione, protagonista del filmato nelle vesti di soccorritore al fine di assicurare la migliore esecuzione possibile delle manovre mostrate.

Dall’altro lato l’esigenza di potersi rivolgere ai giovani in un linguaggio familiare ha portato alla collaborazione con la struttura di Giffoni Experience, festival del cinema internazionale che da cinquant’anni parla ai ragazzi di tutto il mondo; sotto la sapiente regia di Antonio Giudice e grazie all’aiuto di Teleiride si è giunti al risultato desiderato ottenendo un immediato riscontro positivo e grande interesse alla tematica trattata da parte dei giovani che hanno visto il filmato in anteprima mondiale nel corso della 49^ edizione del Giffoni Film Festival. 

Il cammino non è tuttavia concluso, le statistiche dimostrano quanto importante sia un primo soccorso rapido ed efficace nei casi di arresto cardiaco, ne deriva l’importanza di una corretta informazione e formazione soprattutto del citato “personale laico” in special modo nei Paesi  che presentano delle criticità nei sistemi di pronto soccorso. Una ampia diffusione di uno strumento didattico come questo su larga scala può essere un buon viatico sia per prendere coscienza del problema che per sapere come comportarsi di fronte ad un episodio del genere. Grazie alla rete consolare della Unione dei Consoli Onorari in Italia (UCOI) e della Unione dei Consoli Onorari Italiani nel Mondo (UCOIM) il filmato verrà doppiato e diffuso nei vari Paesi del mondo rappresentati dai nostri Consoli. I primi passi in tale direzione sono stati compiuti, a seguito dell’interessamento dei seguenti Consolati:

 

  • Consolato Generale Onorario della Repubblica di Singapore in Roma;
  • Consolato Generale Onorario della Repubblica delle Filippine in Firenze;
  • Consolato Generale Onorario della Repubblica Popolare del Bamgladesh in Firenze; 
  • Consolato Generale Onorario della Repubblica di Ungheria in Firenze;
  • Consolato Onorario degli Stati Uniti Messicani (Messico) in Firenze; 
  • Consolato Onorario dell’Ecuador in Firenze;
  • Consolato Onorario della Repubblica di Croazia in Firenze e Consolato Onorario della Repubblica di Croazia in Napoli;

 

è in fase di lavorazione una versione del video nelle lingue: inglese, tagalog, bengali, ungherese, spagnolo e croato. L’adattamento ed il doppiaggio sarà effettuato presso la mediateca del Consolato Onorario della Repubblica dello Yemen in Firenze. Il filmato così adattato e tradotto nelle varie lingue sarà consegnato ai Consoli Onorari associati e potrà così essere inviato ai Ministeri della Istruzione e della Sanità e nelle Università dei Paesi da loro rappresentati, con l’augurio che possa essere utile allo scopo che si prefigge e la speranza di aver contribuito a salvare una vita. 

 

 

 

 

 

 

UN SALUTO AUGURALE

È con grande piacere ed intima soddisfazione che presentiamo il nuovo sito dell’ “Unione dei Consoli Onorari in Italia” (UCOI), rinnovato nella veste grafica e nei contenuti per essere al passo con lo sviluppo dei più moderni mezzi di comunicazione e per farne uno strumento dinamico, vivace, attraente di informazione, di dialogo e di riflessione fra i Soci e sull’attività dei Consoli Onorari.

I Consoli Onorari sono una realtà, spesso non conosciuta e valorizzata appieno, la cui figura, ruolo e funzioni nel mondo sono in continua crescita. Sempre più i Ministeri degli Esteri dei vari Paesi affidano a Consoli Onorari le funzioni di assistenza dei propri connazionali all’estero e di collaborazione con i rispettivi Ambasciatori per la promozione e lo sviluppo delle relazioni economico-commerciali, culturali e scientifiche con i Paesi di accreditamento, in coerenza con l’art. 5 della Convenzione di Vienna del 24 aprile 1963 sulle relazioni consolari che non fa distinzione funzionale tra Consoli di Carriera e Consoli Onorari. Merita sottolineare che i Consoli Onorari in Italia sono oltre 570 equamente presenti in pressoché tutte le regioni in rappresentanza di circa 130 Paesi; mentre   i Consoli di carriera sono poco più di 100. Egualmente per i Consoli Onorari d’Italia all’estero – in gran parte riuniti nell’ ”Unione dei Consoli Onorari d’Italia nel Mondo” (UCOIM) – che sono attualmente oltre 370 nelle varie aree geografiche.

Funzioni importanti, delicate e di grande responsabilità nell’attuale fase delle relazioni internazionali – basti pensare al fenomeno delle migrazioni -, affidate a persone autorevoli, moralmente e professionalmente selezionate, ben inserite nel tessuto sociale della circoscrizione consolare di competenza e che collaborano con l’Ambasciatore e l’Ambasciata dello Stato di invio per promuovere sempre più strette e proficue relazioni tra Stati. Funzioni che vengono arricchite dal dinamismo, dallo spirito di iniziativa e dall’inventiva dei Consoli Onorari.

Essere nominato Console Onorario deve essere sentito dall’interessato come un ambìto riconoscimento, un onore, un servizio e non una prebenda.

UCOI da 42 anni e UCOIM da 13 anni si sono sempre adoperate ed hanno lavorato – e continuano a farlo - con spirito unitario nel superiore interesse e ad esclusivo beneficio dei Consoli Onorari rispettivamente in Italia e d’Italia nel mondo, tutelandone la figura e la dignità e rafforzandone il ruolo e l’autorevolezza.

Un grazie sentito al Prof. Guido Bastianelli, Console Onorario dello Yemen a Firenze e Presidente del Centro Studi UCOI, che con i suoi collaboratori e con il supporto della Segreteria UCOI ha realizzato il nuovo sito UCOI-UCOIM, in collaborazione con il CICOPS (Centro Internazionale Cooperazione per lo Sviluppo) e con KIROLAB (Laboratorio per attività di e-collaboration e webconference del Servizio Innovazione Didattica e Comunicazione Digitale) dell’Università degli Studi di Pavia.

A Tutti un cordialissimo saluto di benvenuti nel nuovo sito UCOI!

         Amb. Daniele Verga                                  Avv. Elio Pacifico                                        Dott.ssa Oya Izmirli

         Presidente UCOI                        Segretario Generale UCOI-UCOIM                          Presidente UCOIM

           Amb. Carlo Marsili                                                                                                       Amb. Stefano Ronca

    Presidente Onorario UCOI-UCOIM                                                                                      Presidente Emerito UCOI

XLI Assemblea Nazionale dell’Unione dei Consoli Onorari in Italia (UCOI) ed il XII Congresso Internazionale dell’Unione dei Consoli Onorari d’Italia nel mondo (UCOIM)

XLI ASSEMBLEA NAZIONALE DELL’UNIONE DEI CONSOLI ONORARI IN ITALIA E XII CONGRESSO INTERNAZIONALE DELL’UNIONE DEI CONSOLI ONORARI D’ITALIA NEL MONDO

Il giorno 10 maggio 2019 si è svolta, nella Sala Aldo Moro della Farnesina, la XLI Assemblea Nazionale dell’Unione dei Consoli Onorari in Italia (UCOI) ed il XII Congresso Internazionale della Unione dei Consoli Onorari d’Italia nel Mondo (UCOIM).

I lavori sono stati presieduti dall’Ambasciatore Carlo Marsili - Presidente Onorario UCOI e UCOIM. Numerosi gli interventi in programma, a partire dai saluti dell’Ambasciatore Stefano Ronca - Presidente Emerito UCOI e Ambasciatore del Sovrano Militare Ordine di Malta presso l’Italia -, dell’Ambasciatore Riccardo Guariglia - Capo di Gabinetto dell’Onorevole Ministro - e di S.E. George Bologan - Ambasciatore di Romania in Italia.

A seguito della Relazione dell’Avvocato Elio Pacifico - Segretario Generale UCOI e UCOIM - hanno preso la parola il  Segretario della Commissione Bilancio del Senato della Repubblica – Sen. Raffaele Fantetti,  il Vice Segretario Generale del MAECI - Ministro Plenipotenziario Michele Baiano, l’Ambasciatore Renato Varriale - Direttore Generale per le Risorse e l’Innovazione del MAECI, il Ministro Plenipotenziario Inigo Lambertini - Capo del Cerimoniale Diplomatico della Repubblica - ed il Ministro Plenipotenziario Luigi Maria Vignali - Direttore Generale per gli italiani all’estero del MAECI.

Nel corso degli Interventi dei Consoli associati è stato presentato il progetto del nuovo sito UCOI e UCOIM a cura del Centro Studi attraverso un collegamento video con i laboratori del Kiro-Lab della Università degli Studi di Pavia che si occuperà della realizzazione della nuova e moderna piattaforma web.

Le conclusioni sono state affidate alla Dottoressa Oya Izmirli - Console Onorario d’Italia a Bursa (Turchia) e Presidente UCOIM - e all’Ambasciatore Daniele Verga - Presidente UCOI.

Informazioni

Sede: 00192 ROMA, Lungotevere dell'Acqua Acetosa n. 42
Segreteria Generale: 80132 NAPOLI, Via G. Orsini n. 42

Email:  segreteriagenerale@ucoi.it
Numero di telefono: 331.80.88.071

Webmaster
Prof. Dott. Guido Bastianelli
Console della Repubblica dello Yemen in Firenze
Presidente Centro Studi U.C.O.I.
E-mail: webmastersitoucoi@gmail.com